(economia) Circolare, prego

Pubblicato il Pubblicato in Eventi

Domenica 24 settembre, a partire dalle 18, presso il Cafè letterario de Le Murate, vi aspettiamo per Circolare, prego, un evento che abbiamo organizzato in collaborazione con Funghi Espresso, Mamme No Inceneritore, Restarters Firenze e Libera Informatica per parlare di Economia Circolare e sostenibilità sociale.

Cos’è l’economia circolare

L’Economia Circolare è un modello economico alternativo a quello attuale (detto lineare perché basato sulla “triade” estrazione→consumo→rifiuti), e finalizzato ad azzerare la produzione di rifiuti, il consumo di materie prime e lo spreco energetico, in un’ottica di sostenibilità ambientale e sociale.

Un modello a cui anche l’Unione Europea sta dedicando tempo e risorse importanti, e che ha visto di recente l’approvazione di una direttiva europea in tal senso.

E tuttavia non c’è bisogno di andare fino a Bruxelles per imbattersi nell’economia circolare: si tratta di un fenomeno che coinvolge già in pieno diverse realtà del territorio, siano esse imprese, associazioni no-profit o altro. 

L’economia circolare a Firenze

L’evento vuole far conoscere al pubblico alcune realtà del territorio fiorentino che operano in questo settore. Si va dalla startup Funghi Espresso (che produce funghi in kit usando i fondi di caffè come substrato per la coltivazione) ai Restartes Firenze & Libera Informatica (che contrastano l’obsolescenza programmata allungando la vita ai dispositivi elettronici, aiutando gli utenti a ripararli quando si guastano), fino alle Mamme No Inceneritore (che si battono contro l’ipotesi di un termovalorizzatore a Sesto Fiorentino e spingono per la ricerca di metodi più moderni e virtuosi di gestione dei rifiuti). 

Anche il mondo del commercio equo e solidale è pieno di esempi di economia circolare. In Italia si può citare il Progetto Quid, che crea capi d’abbigliamento a partire dagli scarti dei grandi marchi; in Brasile c’è GOOC, un’impresa che produce sandali dai pneumatici delle vetture; in Madagascar c’è chi produce giocattoli riciclando lattine, in Sri Lanka e Tailandia si usa il letame degli elefanti per produrre oggetti vari.